(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Come Migliorare la Tecnica nello Sprint

data di redazione: 19 Maggio 2016
Come Migliorare la Tecnica nello Sprint

Se si scompone la tecnica dello sprint in tutte le sue componenti è possibile concentrarsi su ognuna di queste e migliorare le specifiche fasi dell'azione.

Una buona tecnica dello sprint ha alcune delle seguenti caratteristiche:

LA FASE DI PARTENZA

i) Nella fase di partenza il peso corporeo è distribuito equamente su quattro punti di contatto (cioè mani e le ginocchia).

L’angolo del ginocchio anteriore è di 90 °.

L’angolo del ginocchio posteriore è di 100-130°.

ii) Spinta esplosiva con entrambe le gambe. La gamba anteriore si deve stendere rimanendo a contatto con il suolo, mentre la gamba posteriore oscilla in avanti. La gamba anteriore stesa ed il tronco devono formare una linea retta.

iii) Le braccia oscillano in modalità opposta alle gambe, i gomiti sono flessi a 90 ° ed i pugni oscillano verso la fronte.

LA FASE DI ACCELERAZIONE

iv) Dopo i primi due passi, il piede atterra di fronte al baricentro.

v) Dopo circa 20 metri il corpo all’inizio inclinato in avanti, gradualmente raggiunge la posizione di sprint. La testa deve essere rilassata con lo sguardo fisso in avanti.

FASE DI MASSIMA VELOCITÀ

vi) L’angolo di spinta da terra è di 50-55°. Il tronco è quasi eretto con un inclinazione di circa 5° in avanti

vii) (Volo a mezz’aria) Spingere la gamba piegandola verso le natiche in un movimento di sbandamento rilassato. La gamba anteriore spinge in avanti e verso l'alto alla massima velocità (70 km all'ora in velocisti d’elite). Quando la coscia della gamba anteriore raggiunge il massimo sollevamento possibile del ginocchio, la gamba oscilla in avanti in un movimento rilassato.

viii) Il piede poggia il suolo con la caviglia leggermente estesa (flessione plantare) direttamente sul baricentro. Il peso corporeo sarà bilanciato in modo che solo la pianta del piede tocchi il terreno.

ix) Le spalle rimangono stabili, i gomiti flessi a circa 90 °, tenuti vicino al corpo in tutte le fasi. Le mani oscillano in avanti e sopra l'altezza delle spalle, e verso il basso oltre le anche. Le braccia e le mani devono avere un’azione martellante aggressiva.

La testa si allinea naturalmente con il tronco e le spalle ed muscoli del viso e del collo sono rilassati, mantenendo la bocca leggermente aperta.

Programmi Tecnici per lo Sprint

Questi drill tecnici incentrati sullo sprint possono essere eseguiti in questo ordine o in alternativa si concentrano solo su 3-4 drill. Non vi è alcuna necessità di eseguire più serie e ripetizioni.

-Sollevamento delle ginocchia: 10 metri - corsa - 10 metri - riposo

Eseguite uno sprint di 10 metri concentrandovi sul sollevamento delle ginocchia, alzatele più in alto del normale. Correte per 10 metri poi eseguite uno sprint per 10 metri ed infine riposo.

-Raccogliere rapidamente le ginocchia: 10 metri - corsa- 10 metri - riposo

Eseguire la corsa sul posto sollevando le ginocchia all'altezza della vita pur enfatizzando l'azione del braccio. Muovetevi per 10 metri in questo modo, concentrandovi sul numero dei contatti a terra piuttosto che sulla velocità per coprire la distanza. Cercate di ottenere il maggior numero possibile di contatti sul terreno.

-Gesti rapidi: 10 metri - corsa - 10 metri - riposo

Mentre eseguite uno sprint di 10 metri (e oltre) concentratevi toccando i talloni fino a toccare le natiche.

-Velocità delle gambe: 60 metri

Questo è un normale sprint di oltre 60 metri solamente che tutta la vostra attenzione dovrebbe essere focalizzata sulle gambe. Provate a valutare la velocità ottimale (per voi) delle gambe provando le diverse lunghezze della falcata per vedere qual è quella che produce i risultati migliori.

-Saltellare: 40 metri

-Balzi alti: 3 x 40 metri

Legate insieme entrambi i piedi. L'azione è simile a quella di saltare, la differenza è che cercherete di andare il più in alto possibile rimanendo in aria il più a lungo possibile. Ricordatevi di recuperare completamente tra i tentativi.

- Lavoro sui gomit: 40 metri

Eseguite uno Sprint per 40 metri concentrandovi sulla giusta posizione del gomito. Il gomito deve fare un’escursione in linea retta. Tenete i gomiti flessi ad angolo retto, mantenendo le braccia rilassate.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Hai i Geni del Campione? Oggi te lo rivela un Test Genetico, Genofit!
02 Ottobre 2014

Hai i Geni del Campione? Oggi te lo rivela un Test Genetico, Genofit!

A cura di Dott. Manuele Vezzali e Dott. Alessandro Gardini

Il test Genofit, ideato dal laboratorio N.G.B. genetics “spin off dell’università di Ferrara” è la chiave per lo sportivo che vuole perfezionare l’allenamento, l’alimentazione e addirittura l’integrazione, perché conoscere come siamo fatti, che tipo di fibra muscolare abbiamo,

Come riposare correttamente dal tuo allenamento
17 Febbraio 2017

Come riposare correttamente dal tuo allenamento

Impara a pianificare bene i tuoi giorni di riposo in modo che i muscoli e la mente possano recuperare ed essere pronti a dare il massimo nel prossimo workout

Perché devi riposare e come devi farlo. Devi pensare con convinzione che nei giorni di riposo beneficia la mente ed il corpo. Una pausa obbligatoria pianificata nel tuo programma di allenamento ti aiuterà a tornare entusiasta in palestra.

Ultimi post pubblicati

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute
16 Giugno 2019

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute

Non esiste una definizione specifica di superfood, un termine che, alla resa dei conti, è stato creato unicamente per soddisfare delle esigenze di mercato: in modo molto vago possiamo dire che un superfood è un alimento ricco di nutrienti, in grado di apportare importanti benefici per la salute.

Il Doping Nel BodyBuilding
10 Giugno 2019

Il Doping Nel BodyBuilding

Diventare un bodybuilder professionista, di alto livello, richiede l'uso di potenti farmaci che sono collegati al malfunzionamento di molti organi del nostro corpo sino ad arrivare al decesso prematuro. Le sostanze incriminate sono gli steroidi anabolizzanti, l'insulina, l'HGH e i diuretici.