(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Come utilizzare l’Argilla

data di redazione: 16 Gennaio 2015 - data modifica: 15 Aprile 2016
Come utilizzare l’Argilla

Uso interno e uso esterno

Fin dall'antichità si conoscono le proprietà dell'argilla, che può essere sia applicata esternamente sotto forma di cataplasmi, impiastri, pennellature e bagni in acqua argillosa, oppure assunta per via orale.

Le proprietà dell'argilla

cicatrizzante

antidolorifica

disinfiammante

antisettica

battericida

antitossica

assorbente

deodorante

Famosi antichi medici come Dioscoride, Galeno e Ippocrate ne raccomandavano l'uso e le sue proprietà benefiche, e la utilizzavano anche per la mancanza di effetti indesiderati.

Nel caso dell'applicazione esterna può essere molto utile spalmare nella zona epatica e su tutto l'addome un cataplasma tiepido di argilla impastato con acqua e addizionato con olio extravergine di oliva per combattere malattie che interessano il fegato quali:

  • ittero
  • biliari
  • calcoli
  • insufficienza epatica
  • ittero
  • epatite
  • congestione

Confezionata sotto forma di tavolette "l'argilla di Lemmo" viene usata in Grecia come astringente, ricostituente, antiulcera e contro le piaghe.

L'argilla "di Luvos" invece è utilizzatissima in Francia, Svizzera e in Germania tutt'ora sia per uso interno che esterno.

Come fare un cataplasma di argilla

L'impasto deve risultare spalmabile, ma non troppo liquido, simile a una crema.

Bisogna stendere il fango con uno spessore di circa mezzo centimetro su un telo di cotone e poi applicarlo sulla zona interessata , curando che l'argilla sia direttamente a contatto sulla pelle.

  1. Fasciate poi con una striscia di cotone ed avvolgete tutto con un panno di lana.
  2. Tenete l'applicazione per almeno 2 ore, e se non da fastidio anche tutta la nottata.

INGREDIENTI

  • Otto cucchiai di argilla
  • un cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • acqua (il tanto quanto basta per ottenere la consistenza giusta)

Come preparare l'argilla per uso interno

  • Riempite un bicchiere con 3/4 di acqua fredda, versatevi 1 cucchiaino raso di argilla ventilata, fate sciogliere bene ventilando a lungo con un cucchiaio di legno.
  • Coprite con una garza e lasciate riposare.
  • Le prime volte bevete solo il sovra-natante (acqua sporca), poi quando vi sarete abituati, potrete bere anche il fondo di argilla sedimentata, se necessario.

Una volta pronto poi bevete lentamente e a piccoli sorsi...

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Quali sono i benefici per la salute apportati dal tè?
16 Aprile 2015

Quali sono i benefici per la salute apportati dal tè?

Il tè è la seconda bevanda più consumata al mondo, seconda solo all'acqua. Tutto i tipi di tè, tra cui i quattro tipi principali (nero, bianco, verde e oolong) proviengono dalla stessa pianta, la Camellia sinensis. Sebbene questi vari tipi di tè hanno la stessa origine, ci sono differenze che si verificano sia nella raccolta che nella lavorazione.

Malesseri di Stagione
16 Marzo 2015

Malesseri di Stagione

Mettiti al riparo con 6 semplici accorgimenti

Il freddo è tornato nonostante la primavera ormai è vicina. Gli sbalzi di temperatura a volte fanno più danni del freddo rigido. I malesseri di stagione sono quindi in agguato. Come possiamo fare per metterci al riparo quindi da i malesseri o essere bersaglio di virus o cali della forma fisica?

Ultimi post pubblicati

Allenamento PHA
18 Giugno 2019

Allenamento PHA

Le schede di allenamento in PHA prevedono diversi esercizi eseguiti consecutivamente stimolando distretti corporei il più possibile distanti tra loro (ad esempio cosce/deltoidi o bicipiti femorali/pettorali), in generale alternando l’attività della parte superiore con quella inferiore del corpo o viceversa. Tale sequenza andrà a reclutare tutti i gruppi muscolari del corpo in un’unica seduta (allenamento total body).

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute
16 Giugno 2019

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute

Non esiste una definizione specifica di superfood, un termine che, alla resa dei conti, è stato creato unicamente per soddisfare delle esigenze di mercato: in modo molto vago possiamo dire che un superfood è un alimento ricco di nutrienti, in grado di apportare importanti benefici per la salute.