(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

La Caffeina Amica o Nemica dell'Atleta

data di redazione: 09 Luglio 2016
La Caffeina Amica o Nemica dell'Atleta

Quante se ne sono dette sulla caffeina, i mezzi d'informazione come per tante altre sostanze l'hanno demonizzata ingiustamente, affibiando ad essa un'ingiusta brutta reputazione.

La caffeina, un alcaloide presente in determinate piante che agisce da potente stimolante del sistema nervoso centrale è di certo la sostanza psicoattiva più famosa e popolare al mondo.

La possiamo considerare la sostanza per eccellenza degli atleti, proprio perchè ha il potere di aumentare i livelli di attenzione e concentrazione, anche per questo molte persone preferiscono assumerla la mattina nella prima colazione; inoltre, al contrario di quello che si pensa, da uno studio pubblicato nel 1997 nell'International Journal of Sports è emerso che la caffeina durante il workout non incide in modo significativo sull'idratazione dello sportivo. Possiamo tranquillamente definire quindi la caffeina una sostanza "amica" dell'atleta proprio per le sue proprietà.

Studi in merito hanno evidenziato che la caffeina possiede molte qualità utili per l'allenamento, e per questo moltissimi atleti la usano come lipolitico.

  • Questa sostanza stimola i depositi adiposi a rilasciare cellule di grasso in circolazione, dove possono essere bruciate dall'organismo.
  • Anche riguardo alla resistenza possiamo evidenziarne i benefici, come ha dimostrato uno studio condotto da scienziati Coreani nel 2001.

L'esperimento consisteva nel somministrare caffeina a ratti e a esseri umani, i quali hanno poi praticato attività fisica fino allo sfinimento; In entrambe le specie, la quantità di grasso in circolo e la resistenza risultavano aumentate.

Perchè?

Perchè durante l'attività fisica il corpo inizia a sentirsi affaticato quando viene bruciato glicogeno muscolare e i suoi valori di conseguenza diminuiscono, ma poiché prima di consumare le riserve di glicogeno il corpo brucia le cellule adipose in circolazione, se la quantità di grasso disponibile è maggiore, trascorre più tempo prima che il fisico cominci ad affaticarsi.

Altri studi hanno inoltre dimostrato come la caffeina può avere il potere di aumentare la resistenza negli atleti anche in altri modi; in questo caso si è appurato che i soggetti che assumevano una dose abbondante di caffeina un'ora prima di effettuare 30 minuti di bicicletta ad intensità moderata avvertivano dolori muscolari significativamente inferiori. Siccome la caffeina può alleviare il dolore quindi, ci si può allenare più a lungo.

Anche sotto il punto di vista del recupero ci può dare una mano! Uno studio effettuato nel 2005 all'University of Birmingham ha scoperto che i ciclisti che assumevano una bevanda a base di caffeina prima di allenarsi mostravano un notevole aumento del metabolismo dei carboidrati. Potrebbe non sembrare l'ideale, ma dopo un workout occorre assorbire i carboidrati il più velocemente possibile per elevare il livello di insulina, inibire il cortisolo (un ormone dannoso per i muscoli) e reintegrare il glicogeno muscolare, e la caffeina sembra appunto accelerare questo processo.

Ma non è solo questione di resistenza e di recupero, ma di anche di "portata". Uno studio effettuato nel 2005 alla University of Nebraska di Lincoln ha dimostrato che quando soggetti allenati assumevano caffeina un'ora prima del workout erano poi in grado di eseguire un maggior numero di ripetizioni con lo stesso carico. Più ripetizioni si eseguono con un carico relativamente pesante, più grossi e forti si diventa, quindi è ottima anche nel mondo del bodybuilding.

Detto questo non significa che durante l'arco della giornata dobbiamo bere tazzoni di caffè e cappuccini con montagne di zucchero. Nonostante sia vero che la maggior parte delle bevande alla caffeina contiene antiossidanti benefici, non è altrettanto conveniente assumerla per mezzo di bevande ricche di grassi e zuccheri che sarebbero di troppo per il nostro organismo.

Il metodo migliore per l'atleta è assumere caffeina sotto forma di integratori, 1 o 2 volte al giorno; meglio la mattina e 1 o 2 ore prima del vostro workout. Il consiglio è quello di non assumerla prima di andare a dormire, in modo tale da non disturbare il sonno.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Paura dell'Esercizio Fisico e Sindrome da Stanchezza Cronica
15 Gennaio 2015

Paura dell'Esercizio Fisico e Sindrome da Stanchezza Cronica

Ecco cosa rivela un recente studio

'La paura dell'esercizio fisico' è il più grande ostacolo nel recupero dalla sindrome da stanchezza cronica Secondo i dati degli studi riportati sulla rivista The Lancet Psychiatry, uno degli elementi più importanti per migliorare la funzione fisica nei pazienti con sindrome da stanchezza cronica è usare una terapia per ridurre la paura che l'esercizio fisico possa peggiorare i sintomi piuttosto che migliorarli.

Il Complesso Articolare Della Spalla
10 Luglio 2018

Il Complesso Articolare Della Spalla

La spalla è così mobile quanto poco resistente, infatti per sopperire a questa sua intrinseca debolezza è dotata di una forte muscolatura rivolta alla stabilizzazione dell’intero cingolo. Formata da ossa (omero, scapola e clavicola) e legamenti, è associata a tendini, muscoli, nervi che ne permettono i vari movimenti, e vasi sanguigni che consentono la sopravvivenza dei tessuti che la compongono.

Ultimi post pubblicati

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute
16 Giugno 2019

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute

Non esiste una definizione specifica di superfood, un termine che, alla resa dei conti, è stato creato unicamente per soddisfare delle esigenze di mercato: in modo molto vago possiamo dire che un superfood è un alimento ricco di nutrienti, in grado di apportare importanti benefici per la salute.

Il Doping Nel BodyBuilding
10 Giugno 2019

Il Doping Nel BodyBuilding

Diventare un bodybuilder professionista, di alto livello, richiede l'uso di potenti farmaci che sono collegati al malfunzionamento di molti organi del nostro corpo sino ad arrivare al decesso prematuro. Le sostanze incriminate sono gli steroidi anabolizzanti, l'insulina, l'HGH e i diuretici.