(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

L'Esercizio Fisico Previene L'Ipertensione Arteriosa

data di redazione: 10 Ottobre 2018
L'Esercizio Fisico Previene L'Ipertensione Arteriosa

L'Esercizio Fisico Previene L'Ipertensione Arteriosa?

Le arterie si irrigidiscono con l’età e ciò può far aumentare la pressione sanguigna sovraccaricare il cuore. L’irrigidimento delle arterie aumenta il rischio di infarto, morte cardiovascolare e morte per altre cause. 

Riducendo i fattori di rischio cardiovascolare come l’alta pressione sanguigna, livelli di grassi nel sangue non normali, diabete e sindrome metabolica si può ridurre la stiffness arteriosa ovvero l’irrigidimento delle arterie. 

Uno studio di Michael Doumas della VA Medical Center a Washington DC ha suggerito che l’esercizio è la chiave della salute dei vasi sanguigni. Le persone con alti livelli di fitness avevano anche i vasi sanguigni più sani. L’esercizio protegge contro la morte prematura e può riportare indietro l’orologio dell’età arteriosa.

L’ipertensione è un quadro patologico caratterizzato dall’aumento dei valori di pressione sistolica (cosiddetta pressione massima) e dei valori di pressione diastolica (cosiddetta pressione minima). 

Diagnosi di ipertensione può essere effettuata sulla base dei seguenti parametri:

Categoria Sistolica (mmHg) Diastolica (mmHg) 

  • Ottimale < 120 < 80 Normale < 130 < 85 
  • Normale-alta 130 - 139 85 - 89 
  • Ipertensione di Grado 1 (“lieve”) 140 - 159 90 - 99 
  • Sottogruppo: bordeline 140 - 149 90 - 94 
  • Ipertensione di Grado 2 (“moderata”) 160 - 179 100 - 109 
  • Ipertensione di Grado 3 (“grave”) 180 ≥ 180 110 ≥ 110 T

Il principale fattore genetico è rappresentato dall’ereditarietà, mentre fattori ambientali quali assunzione di sodio, obesità e stress sembrano avere un ruolo rilevante solo nei soggetti predisposti. 

L’effetto positivo dell’attività fisica nel trattamento dell’ipertensione è riportato da numerosi dati presenti in letteratura scientifica: mediamente sono riportate riduzioni dei valori pressori sia dela componmente sistolica che di quella diastolica di 5-6 mmHg, esistono inoltre un’altra serie di effetti positivi tra cui i principali sono: 

  • Aumento del numero di capillari a livello muscolare e cardiaco (capillarizzazione) con conseguente diminuzione delle resistenze periferiche. 
  • Maggiore apporto di sangue e ossigeno a tutti i tessuti e in particolare al muscolo cardiaco. 
  • Riduzione sia dello stress transitorio sia di quello a lungo termine grazie al rilascio di sostanze euforizzanti che intervengono nella regolazione dell’umore (endorfine). 
  • Riduzione delle resistenze periferiche sia grazie alla riduzione dell’attività di alcuni ormoni e dei loro recettori (catecolamine) sia grazie all’aumento del letto capillare. 

Effetto positivo che l’attività fisica svolge sugli altri fattori di rischio relativi ad altre patologie che spesso si associano o causano l’ipertensione come per esempio il diabete, le dislipidemie e l’obesità. 

È opportuno che il soggetto iperteso esegua un allenamento di tipo aerobico da un minimo di 3 a 5 volte la settimana con una durata continuativa di almeno 20 -30 minuti. 

Mantenendo una sollecitazione di 40-50 minuti è possibile ottenere risultati positivi notevolmente superiori. L’intensità da mantenere è, relativamente alle condizioni del soggetto, tra il 40% e il 70% del Vo2 max. 

E’ possibile prevedere allenamenti di resistenza con l’utilizzo dei sovraccarichi, in questo caso è possibile prevedere 2 sedute settimanali realizzate con lavoro a circuito strutturato come segue: 

  • Ripetizioni medio alte (almeno15) 
  • Velocità di esecuzione basse 
  • Utilizzo di esercizi base, multiarticolari, ad alta sinergia 

Avendo cura di evitare: 

  • Utilizzo di carichi elevati, 
  • Contrazioni isometriche, 
  • Contrazioni sub massimali
  • Esercizi che prevedono una posizione del capo inferiore rispetto a quella del cuore. 

Può rivelarsi particolarmente utile anche l’allenamento della flessibilità, soprattutto se praticato con cadenza quotidiana a carico dei principali gruppi muscolari, con particolare attenzione a quelli oggetto di sollecitazione contestualmente alle altre sedute di allenamento.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Come intervenire in caso di perdita di coscienza
19 Dicembre 2015

Come intervenire in caso di perdita di coscienza

Saper valutare la situazione e riconoscere il problema possono fare la differenza

Perdita di coscienza: non bisogna sottovalutare mai la situazione e farsi trovare impreparati in questi casi, quindi prima di tutto dobbiamo capire quando il soggetto ha una reale perdita di coscienza.

Alimenti Antinfiammatori
01 Ottobre 2014

Alimenti Antinfiammatori

Consigli sugli alimenti che possono ridurre l'infiammazione e dolori derivanti

Alimenti antinfiammatori possono avere la capacità di ridurre l'infiammazione. Gli alimenti infiammatori potrebbero innescare la risposta infiammatoria del corpo, aumentando potenzialmente il rischio di malattie croniche.

Ultimi post pubblicati

Allenamento PHA
18 Giugno 2019

Allenamento PHA

Le schede di allenamento in PHA prevedono diversi esercizi eseguiti consecutivamente stimolando distretti corporei il più possibile distanti tra loro (ad esempio cosce/deltoidi o bicipiti femorali/pettorali), in generale alternando l’attività della parte superiore con quella inferiore del corpo o viceversa. Tale sequenza andrà a reclutare tutti i gruppi muscolari del corpo in un’unica seduta (allenamento total body).

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute
16 Giugno 2019

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute

Non esiste una definizione specifica di superfood, un termine che, alla resa dei conti, è stato creato unicamente per soddisfare delle esigenze di mercato: in modo molto vago possiamo dire che un superfood è un alimento ricco di nutrienti, in grado di apportare importanti benefici per la salute.