(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Allenamento Post Influenza

data di redazione: 12 Aprile 2016 - data modifica: 16 Gennaio 2019
Allenamento Post Influenza

Terminato il decorso della malattia è normale riprendere l’attività fisica anche se le condizioni di partenza non saranno più quelle dell’ultimo giorno di allenamento, questo perché:

  1. Si sono persi gli adattamenti cardio-respiratori
  2. Sarà diminuita la soglia anaerobica
  3. Un pò di massa magra è andata persa
  4. Ci sarà una maggiore percezione della fatica.

Tutto questo è normale. Bisogna riprendere l’attività ma con una intensità più bassa, pertanto consigliamo nella prima settimana di partire piano in modo tale da dare al corpo il modo di riprendere i propri standard di allenamento.

PERCHE' VI SIETE AMMALATI?

Le persone che praticano sport con regolarità hanno difese immunitarie migliori di chi è sedentario e, di conseguenza, evitano i mali di stagione, o quantomeno ne attenuano i sintomi. 

Prima di entrare nello specifico, possiamo affermare, in linea del tutto generale, che i sintomi al di sopra del collo, ovvero un naso che cola, un leggero bruciore alla gola, mal di testa, non impediscono di allenarsi e anzi, con un moderato training possono attenuarsi o addirittura sparire. 

Non è così per i sintomi al di sotto del collo, intendendo dolori muscolari, vomito, diarrea, tosse, vie aeree infiammate ecc., o una febbre che superi i 37 gradi. In questi casi è bene interrompere qualsiasi attività fisica.

TROPPO INTENSO = INFLUENZA

Nel caso di attività fisica intensa, ovvero a livelli massimali, e prolungata, come può essere una corsa su lunghe distanze, allenamenti di bodybuilding ad alta intensità seguiti da corsi in palestra di vario genere (spinning, arti marziali, ftiboxe), il nostro organismo diviene più debole e più esposto alle infezioni.

Si tratta, infatti, di uno stress che influisce sulle difese immunitarie, abbassandole.

Nel caso di una maratona, per esempio, questa riduzione si può riscontrare anche per un paio di settimane. 

Alle Olimpiadi di Los Angeles il 13% di chi ha partecipato alla 42 chilometri si è ammalato nella settimana successiva alla prova, mentre ciò è accaduto solo al 2% di coloro che pur iscritti non hanno partecipato per motivi differenti da condizioni mediche negative.

Fatta questa premessa è normale, farsi prendere dall'entusiasmo per la propria attività sportiva, ma spesso e volentieri gli sportivi che si allenano seriamente, seguendo magari un'alimentazione rigorosa si ammalano SPESSO. Il fisico a volte reagisce così al troppo allenamento, dicendo:" ORA BASTA, FERMATI!"

Pertanto consigliamo, visto che anche noi ci ammaliamo, di prestare attenzione all'intensità degli allenamenti, soprattutto quando in giro che l'inflenza stagionale del momento.

Dopo una settimana di stop consigliamo di riprendere gli allenamenti con un profilo basso, utilizzando il 50% dei carichi e con il seguente protocollo.

PROTOCOLLO POST INFLUENZA

  • Tapis roulant 10' camminata
  • Crunch 1 serie x 10 ripetizioni
  • Hiperextension 1 serie x 10 ripetizioni
  • Leg Extension 1 serie x 10 ripetizioni
  • Leg Curl 1 serie x 10 ripetizioni
  • Distensioni su panca inclinata con bilanciere 1 serie x 10 ripetizioni
  • Croci su panca piana con manubri 1 serie x 10 ripetizioni
  • Alzata laterale al cavo basso 1 serie x 10 ripetizioni
  • Croci inverse al cavo alto 1 serie x 10 ripetizioni
  • Vertical Row 1 serie x 10 ripetizioni
  • Lat machine avanti al petto 1 serie x 10 ripetizioni
  • Panca con bilanciere presa stretta 1 serie x 10 ripetizioni
  • Curl con manubri 1 serie x 10 ripetizioni
  • cyclette 5' defaticamento

Al termine bisogna fare, rigorosamente in palestra, una doccia caldissima e poi bersi un té caldo al limone con zenzero e miele. Per quanto riguarda gli integratori consigliamo la:

Glutammina che rinforza il sistema immunitario.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

4 Punti Per il Successo di un Buon Programma di Allenamento
20 Giugno 2015

4 Punti Per il Successo di un Buon Programma di Allenamento

Questo articolo ha l'intenzione di rivolgersi maggiormente a coloro che non sono principianti. Questo non perché i principianti non meritano molta attenzione. Ma per coloro che non si sono mai allenati con i pesi, lo stato di avanzamento iniziale sarà veloce e furioso. Basta scegliere un programma di allenamento

Metodo di Allenamento di Bruce Lee
01 Novembre 2017

Metodo di Allenamento di Bruce Lee

Come si allenava il Grande Bruce Lee per ottenere un fisico così definito

Bruce Lee era un grande appassionato dell’allenamento fisico , non praticava solo arti marziali ma si allenava costantemente sia con i pesi, sia nella corsa . Il suo fisico era la testimonianza reale della sua costanza e tenacia che metteva negli allenamenti a tal punto che anche i culturisti dell’epoca si meravigliavano della sua Definizione Muscolare stratosferica .

Ultimi post pubblicati

Allenamento PHA
18 Giugno 2019

Allenamento PHA

Le schede di allenamento in PHA prevedono diversi esercizi eseguiti consecutivamente stimolando distretti corporei il più possibile distanti tra loro (ad esempio cosce/deltoidi o bicipiti femorali/pettorali), in generale alternando l’attività della parte superiore con quella inferiore del corpo o viceversa. Tale sequenza andrà a reclutare tutti i gruppi muscolari del corpo in un’unica seduta (allenamento total body).

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute
16 Giugno 2019

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute

Non esiste una definizione specifica di superfood, un termine che, alla resa dei conti, è stato creato unicamente per soddisfare delle esigenze di mercato: in modo molto vago possiamo dire che un superfood è un alimento ricco di nutrienti, in grado di apportare importanti benefici per la salute.