(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Corsa - Come Allenarsi in Estate?

data di redazione: 14 Luglio 2018
Corsa - Come Allenarsi in Estate?

Corsa: Come Allenarsi in Estate?

Buona parte dei runner che fanno gare durante l'inverno opta per uno stop estivo come ricarica per la nuova stagione agonistica, tuttavia c'è sempre una parte di assidui amanti della corsa che preferisce non fermarsi del tutto.

Come ben si sa l'atletica non perdona, e se si applica l'opzione "stop completo", al ritorno si può stare tranquilli che il nostro corpo, che non è una macchina, ce la farà pagare.

Detto questo, ci sarà sicuramente già qualcuno che pensava di fermarsi e che invece utilizzerà questo articolo come arma per non farlo. Vediamo allora se è la cosa giusta da fare.

Per il runner agonista la stagione è stata sicuramente lunga e impegnativa, è importante quindi fare la scelta giusta e in modo obiettivo, in base alle seguenti considerazioni. 

Se si considera una stagione tipo, senza stop per infortuni o di altro genere, si noterà che la fase di carico invernale si sarà concentrata durante il periodo pre-primaverile, per consolidarsi gradualmente in forma qualitativa tra marzo e maggio. 

In linea teorica quindi, il massimo della forma, il runner lo avrà toccato a giugno, ovvero nel periodo in cui si svolgono generalmente le gare più importanti. Giunti al mese di luglio quindi, il fisico dell'atleta è solitamente provato e necessita di un periodo di riposo attivo.

Uno stop totale in questo caso comprometterebbe lo stato di forma del runner nel mese di settembre. Il modo migliore per evitare questo è approfittare del mese di agosto per riprendere i lavori aerobici, ovviamente in forma ridotta rispetto al periodo invernale, in maniera da rifiatare. 

L'ultima settimana di agosto si potrà quindi ricominciare a lavorare più intensamente, in modo da arrivare pronti al mese di settembre.

Meglio quindi optare per quello che chiameremo stop parziale, ovvero un vero e proprio rallentamento, allo scopo di recuperare ma allo stesso tempo non perdere lo stato di forma. Riuscire a correre due o tre volte a settimana, anche se ci si trova in ferie lontano da casa, è la condizione ideale per godersi la villeggiatura ma non soffrire troppo al ritorno.

IL TIPO DI LAVORO

Al contrario da quello che si pensa è relativamente semplice mantenere un buono stato di forma senza condizionare troppo le proprie ferie.

Il consiglio è quello di puntare sull'interval training, correndo per un tempo fisso con variazioni regolari, in quanto questo tipo di lavoro si può praticare ovunque e non necessita di alcuna misurazione di percorso.

Il lavoro tipo potrebbe consistere in 20 minuti di riscaldamento in corsa blanda, per poi alternare un minuto più veloce ad uno più lento, per un numero totale di variazioni che dipende dalla distanza di gara cui ci si dedica.

L'ottocentista può anche accontentarsi di 10-12 variazioni per un lavoro di 30-40 minuti, mentre il fondista può arrivare anche fino all'ora.

Attenzione anche alla scelta del terreno, laddove le condizioni lo permettono. A questo punto della stagione tendini, ginocchia e articolazioni varie necessitano a loro volta di riposo, e meno si stressano meglio è, per cui è bene preferire terreni sterrati o erbosi. 

Se proprio non è possibile optate per l'asfalto, ma abbiate cura di evitare terreni gommosi con materiali simili alla pista, come i pavimenti finto-Sportflex di molte piste ciclabili.

La variazione del tipo di lavoro, oltre a recuperare il fisico permetterà anche alla mente di "riposare". 

Cambiare il ritmo nella parte veloce è estremamente importante, quindi, se il vostro obiettivo è quello di fare tre uscite settimanali, il consiglio è quello di farne due di variato e uno di corsa lenta, possibilmente in lenta progressione. 

I due variati devono essere diversi tra loro: al minuto lento-minuto veloce che abbiamo descritto in precedenza si può affiancare un 30-90 secondi da svolgere in maniera più brillante. In questo modo si lavorerà su ritmi differenti, mantenendo sveglie sia le gambe che la testa.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Quando è nata la moda della Ginnastica Aerobica
01 Ottobre 2014

Quando è nata la moda della Ginnastica Aerobica

Quando e come e perché è nata "l'aerobica" nelle palestre

Un medico americano dovendo elaborare un programma di allenamento per gli astronauti della NASA, ideò un allenamento basato su esercizi "aerobici" da poter svolgere al chiuso, per migliorare la forza e l'elasticità muscolare e realizzare un buon equilibrio muscolare.

Ripetute di Resistenza alla Velocità
23 Novembre 2014

Ripetute di Resistenza alla Velocità

Programma di Condizionamento Atletico

Questo tipo di Allenamento si effettua solitamente su una pista di atletica o su un luogo che gli assomigli come ad esempio un viale asfaltato di un giardino comunale. Nella fattispecie il lavoro consiste in una serie di scatti ripetuti alla massima velocità, divisi in serie di ripetute. Le distanze da percorrere variano dai 60 ai 100 metri, in base al livello dell'atleta, ma anche al grado di allenamento. 

Ultimi post pubblicati

Allenamento PHA
18 Giugno 2019

Allenamento PHA

Le schede di allenamento in PHA prevedono diversi esercizi eseguiti consecutivamente stimolando distretti corporei il più possibile distanti tra loro (ad esempio cosce/deltoidi o bicipiti femorali/pettorali), in generale alternando l’attività della parte superiore con quella inferiore del corpo o viceversa. Tale sequenza andrà a reclutare tutti i gruppi muscolari del corpo in un’unica seduta (allenamento total body).

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute
16 Giugno 2019

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute

Non esiste una definizione specifica di superfood, un termine che, alla resa dei conti, è stato creato unicamente per soddisfare delle esigenze di mercato: in modo molto vago possiamo dire che un superfood è un alimento ricco di nutrienti, in grado di apportare importanti benefici per la salute.