(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

​Quale È Il Momento Migliore Per Fare Stretching?

data di redazione: 20 Gennaio 2016
​Quale È Il Momento Migliore Per Fare Stretching?

A che punto del vostro allenamento bisogna fare lo stretching per trarre i maggiori benefici muscolari?

Lo stretching offre molti vantaggi: la mobilità, la prevenzione degli infortuni e alleviare lo stress sui muscoli solo per citarne alcuni. Ma in un allenamento, è meglio fare stretching prima o dopo?

La risposta è entrambe le volte.

Prima dell'esercizio, è necessario riscaldarsi, e lo stretching dinamico può essere combinato come parte del riscaldamento. L'obiettivo è quello di ottenere un affluenza maggiore di sangue ai muscoli e alzare di un po' la temperatura corporea . Lo stretching durante il riscaldamento, è importante per darvi conoscenza del range di movimento dei vostri muscoli, legamenti e articolazioni per le funzioni di movimento richieste dal vostro sport. Movimenti come rotazione del braccio, torsioni del tronco e le rotazioni dell'anca sono esempi di tratti dinamici.

Dopo l'allenamento, è il momento per lo stretching statico. Questo è il momento di rilassarsi e migliorare la flessibilità. Mantenere ogni allungamento per almeno 20 secondi e farlo in ogni allenamento per vedere i risultati nel tempo. Concentrarsi sulla respirazione durante l'allungamento, utilizzando ogni espirazione per andare un po' oltre. Lo Yoga è uno dei modi migliori per includere lo stretching nel vostro allenamento. Se non sapete da dove cominciare, provate con questa scheda di esercizi di stretching.

Stretching, cosa dice la Ricerca

La ricerca per quanto riguarda il momento ottimale per allungare è inconcludente. Inoltre, una prova evidente è carente per quanto riguarda gli effetti benefici associati con pre-esercizi di stretching (ad esempio, la prevenzione degli infortuni o migliorare le prestazioni atletiche). In realtà, la ricerca esiste per suggerire che lo stretching prima di una attività sportiva può diminuire la potenza con conseguente diminuzione delle prestazioni fisiche.

Alcuni atleti inseriscono lo stretching al termine del periodo di riscaldamento, tuttavia questa pratica può essere un po' controproducente poiché allungare dopo il riscaldamento, causerà una riduzione della frequenza cardiaca prima dell'inizio della sessione di allenamento, ecco perché è consigliabile lo stretching dinamico come descritto sopra. Lo stretching alla fine dell'allenamento, sembra essere un momento molto opportuno.

Lo stretching eseguito alla fine come parte del momento di defaticamento, risulta sicuro ed efficace in quanto i muscoli sono adeguatamente riscaldati e, di conseguenza, più flessibili. Quindi uno stretching statico, vi aiuterà appieno in questa fase. Inoltre, contribuirà ad agevolare ulteriormente il recupero post-allenamento.

Ecco un valido integratore per aiutare la flessibilità e il recupero delle articolazioni:

Tutti Hanno Bisogno Di Allungare I Muscoli?

L'American College of Sports Medicine dice che è una buona idea. L'ACSM raccomanda di stirare ciascuno dei principali gruppi muscolari almeno due volte a settimana per 60 secondi ad esercizio.

Rimanere flessibili con l'avanzare dell'età è una buona idea in quanto aiuterà a muoversi meglio.

Ad esempio, fare regolarmente stretching, può aiutare a mantenere i fianchi e i muscoli posteriori della coscia flessibili anche in età più avanzata, dice il Professor Lynn Millar, fisioterapista e docente presso il Winston-Salem State University.

Se la vostra postura o attività sono un problema, prendete l'abitudine di allungare i muscoli regolarmente.

Si Può Fare Stretching Anche In Qualsiasi Altro Momento?

Sì. Non è un must che si debba fare stretching solo prima e dopo l'allenamento. Questo può essere effettuato anche al mattino, prima di andare a dormire, o durante le pause di lavoro, ogni momento della giornata è buono.

"Lo Stretching dovrebbe essere parte di un programma regolare", dice Lynn Millar.

Riferimenti:

Lynn Millar, PT, PhD, FACSM, department chairwoman and professor of physical therapy, Winston-Salem State University, Winston-Salem, NC.

Garber, C. Medicine & Science in Sports & Exercise, July 2011.

Perrier, E. Journal of Strength and Conditioning Research, July 2011.

Kistler, B. Journal of Strength and Conditioning Research, September 2010.

Fields, K. Current Sports Medicine Reports, May-June 2010.

Simic, L. Scandivanian Journal of Medicine & Science in Sports, published online Feb. 8, 2012.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Come Allenare Dorsali e Spalle In Un'Allenamento Dedicato
20 Dicembre 2017

Come Allenare Dorsali e Spalle In Un'Allenamento Dedicato

Allenamento Tradizionale per la Massa di Dorso e Spalle

Sviluppare una schiena bella larga e spessa può far migliorare incredibilmente il vostro aspetto fisico. La popolare “forma a V” dà l’illusione di un girovita più stretto e una corporatura muscolosa. Vediamo come allenare Schiena e Spalle Assieme.

Petto e Tricipiti più Tonici con MedBall e SwissBall
29 Dicembre 2016

Petto e Tricipiti più Tonici con MedBall e SwissBall

Serie Gigante per Petto e Tricipiti con Esercizi Inusuali

Vi allenate a casa oppure volete un protocollo di allenamento diverso da poter utilizzare per allenare pettorali e tricipiti? Siete giunti nell'articolo giusto

Ultimi post pubblicati

Allenamento PHA
18 Giugno 2019

Allenamento PHA

Le schede di allenamento in PHA prevedono diversi esercizi eseguiti consecutivamente stimolando distretti corporei il più possibile distanti tra loro (ad esempio cosce/deltoidi o bicipiti femorali/pettorali), in generale alternando l’attività della parte superiore con quella inferiore del corpo o viceversa. Tale sequenza andrà a reclutare tutti i gruppi muscolari del corpo in un’unica seduta (allenamento total body).

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute
16 Giugno 2019

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute

Non esiste una definizione specifica di superfood, un termine che, alla resa dei conti, è stato creato unicamente per soddisfare delle esigenze di mercato: in modo molto vago possiamo dire che un superfood è un alimento ricco di nutrienti, in grado di apportare importanti benefici per la salute.