(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Taekwondo, lo spostamento in tre fasi

data di redazione: 18 Ottobre 2015
Taekwondo, lo spostamento in tre fasi

Perché è importante conoscere il perché e come si esegue lo spostamento

Più che mai nel Taekwondo gli spostamenti assumono un'importanza vitale, soprattutto in combattimento, per gestire la distanza e "lavorarsi" l'avversario e uscire dai suoi attacchi.

Da essi quindi dipende il controllo e la padronanza della distanza tra noi e il nostro avversario (zona punteggio), sia in caso di attacco che in caso di difesa, aspetto fondamentale per ottenere un buon risultato sportivo.

Senza una tecnica precisa e ben assimilata gli spostamenti vengono realizzati con appoggi inadeguati, provocando squilibri, scoordinazione e disorientamento, con un grande spreco di energia, difficoltà nello sviluppo del combattimento e maggiore possibilità di lesioni.

Dobbiamo considerare gli spostamenti in tutta la loro importanza perché, pur essendo meno spettacolari di altri aspetti del Taekwon-do, il loro ruolo si rivela decisivo e determinante.

La realizzazione degli spostamenti avviene in momenti differenti, come risposta a determinate circostanze imposte dallo sviluppo del combattimento.

LO SPOSTAMENTO

Dividiamo lo spostamento in tre fasi per capirlo meglio:

  • la fase iniziale, quella di uscita
  • la fase intermedia, cioè il percorso
  • la fase finale, quindi la parata

  • LA FASE DI USCITA

    In pratica è l'abbandono della posizione iniziale, e ha come fine il raggiungimento della velocità massima nel minor tempo possibile.

    L'esecuzione ottimale dipende dalla capacità di spinta, dalla velocità di realizzazione, dalla concentrazione dell'attenzione e dalla tecnica più adatta per realizzarla con maggior efficacia e facilità.

    L'esecuzione potrà variare se chi la esegue:

  • parte in movimento, se il tronco si inclina in avanti (i gradi di flessione dipendono dalla sicurezza e dalla distanza rispetto all'avversario)
  • se il primo passo è corto (e questo favorisce l'accelerazione)
  • se l'azione di spinta è intensa e breve
  • se la spinta ha inizio rapidamente con la gamba arretrata
  • se continua con forza con la gamba avanzata


  • LA FASE DI PERCORSO

    Questa è la fase intermedia di tutto lo spostamento, e pur essendo varie le traettorie tutti i percorsi hanno diverse caratteristiche comuni quali:

  • i primi passi sono corti
  • la frequenza degli appoggi non deve essere forzata, poichè accorcerebbe eccessivamente lo spostamento
  • minore è la distanza rispetto all'avversario, minori sono le fasi di sospensione delle gambe (arrivando ad annullare, trasformandoli in spostamenti-scivolati) e maggiore è la distanza, maggiore sarà la fase di sospensione o salto (anche se i salti in genere non sono molto frequenti)

  • LA FASE DI PARATA

    Lo scopo vero e proprio dello spostamento può essere proprio la parata.

    L'obiettivo delle parate è l'annullamento brusco della velocità acquisita, in modo rapido e senza adottare una posizione finale svantaggiosa.

    La buona esecuzione di tutto la spostamento dipende:

  • dalla capacità di frenata, soprattutto la forza dei muscoli estensori del ginocchio
  • dalla velocità di reazione
  • dalla concentrazione dell'attenzione e tecnica di esecuzione

  • Nel caso di parate violente si potrà adottare brevemente anche una posizione laterale, e c'è da tenere presente che proprio la fase finale dello spostamento, cioè la parata, presenta il pericolo di lesioni anche gravi, come rotture fibrillari, strappi e crampi.

    Scritto da: ABC Team
    Scarica eBook
    Scarica eBook

    Potrebbe interessarti anche

    Combat Hapkido
    08 Gennaio 2015

    Combat Hapkido

    Sistema di Difesa Personale Americano di Origine Coreano

    L'enfasi dell'hapkido consiste nel riversare l'aggressività e la potenza degli assalitori verso di loro, con poco sforzo e minima forza da parte del praticante. Il Fondatore di questo sistema non ha inventato nuove tecniche, ha solamente selezionato quelle più realistiche, efficaci e pratiche, redigendo un programma strutturato a livelli per l'apprendimento dello stile.

    La vita in un monastero
    06 Febbraio 2015

    La vita in un monastero

    Vita e regole nel luogo spirituale dei monaci Zen

    Per essere ammessi come membri del monastero, in principio bisogna superare una prova e dimostrare di essere il discepolo di un maestro. Quando l’aspirante monaco arriva al monastero, come di costume gli si nega l’entrata.

    Ultimi post pubblicati

    Allenamento PHA
    18 Giugno 2019

    Allenamento PHA

    Le schede di allenamento in PHA prevedono diversi esercizi eseguiti consecutivamente stimolando distretti corporei il più possibile distanti tra loro (ad esempio cosce/deltoidi o bicipiti femorali/pettorali), in generale alternando l’attività della parte superiore con quella inferiore del corpo o viceversa. Tale sequenza andrà a reclutare tutti i gruppi muscolari del corpo in un’unica seduta (allenamento total body).

    I 20 Migliori Alimenti Per La Salute
    16 Giugno 2019

    I 20 Migliori Alimenti Per La Salute

    Non esiste una definizione specifica di superfood, un termine che, alla resa dei conti, è stato creato unicamente per soddisfare delle esigenze di mercato: in modo molto vago possiamo dire che un superfood è un alimento ricco di nutrienti, in grado di apportare importanti benefici per la salute.