(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Muay Thai, le 5 Gomitate di questa Potente Arte Marziale

data di redazione: 22 Aprile 2015 - data modifica: 27 Settembre 2015
Muay Thai, le 5 Gomitate di questa Potente Arte Marziale

5 Tecniche Devastanti della Muai Thay

È risaputo che le gomitate sono una delle armi più pericolose di cui disponiamo, spesso ritenute troppo lesive e quindi vietate di frequente nei combattimenti sportivi. Per i Thai Boxer diciamo che le gomitate sono il loro "asso nella manica", il loro colpo forte, e imparano ad utilizzarle in combattimento e di conseguenza a difendersi da esse.


Se sferrata correttamente, infatti, la gomitata è in grado di tagliare, grazie alla forma appuntita del gomito, e se portata col giusto movimento del corpo e quindi con la massima potenza diventa un colpo davvero feroce e risolutivo.

LA GOMITATA, UN'ARMA MICIDIALE



La gomitata quindi è capace di trasformarsi in una lama in grado di effettuare attacchi che procurano con discreta facilità tagli profondi sulla cute del capo o del volto di chi viene colpito, e un esperto di questa arte marziale sa usare questo tipo di colpo sia in fase difensiva che offensiva.

Ma le gomitate non solo tagliano, vengono utilizzate per:


tagliare
● perforare le zone ossee più sensibili
● rompere (nel caso delle costole e articolazioni)
● danneggiare i muscoli (di braccia e gambe)
● attaccare gli organi interni (reni o fegato)

Anche se utilizzati in fase difensiva, i gomiti, in abbinamento agli avambracci, sono in grado di creare intorno all'esperto di Muay Thay un vero e proprio scudo protettivo, eccezionalmente resistente e difficilissimo da oltrepassare. È importante imparare a classificare e a distinguere le gomitate in base alla traettoria seguita dal colpo, all'uso che ne viene fatto e alla distanza tra chi colpisce e il bersaglio.

Nella Muay Thai tradizionale, quindi, vengono suddivise in 5 tipologie:

● SOK WIANG LAI
Gomitata fulminea, rapida ed estremamente efficace, con l'energia che viene trasmessa dalla spalla fino al braccio per colpire con la punta del gomito, ed in grado di aprire profonde ferite al volto dell'avversario.

● SOK PRATÈ
In pratica si tratta del gomito che penetra.
Con il movimento di tutto il corpo che proietta tutta la massa verso il bersaglio creando una devastante gomitata penetrante e distruttiva.

● SOK TI LOM
In sostanza è "il gomito che schiaccia".
Tale gomitata colpisce verso il basso, utilizzando molto spesso un'improvvisa flessione sulle ginocchia, e si può sferrare anche usando una parte del corpo del nostro avversario come sostegno per effettuare un saltello, guadagnando in altezza e sviluppando un colpo ancor più potente.

● SOK SOEY KUM
Gomitata a taglio verticale.
Si usa di frequente quando ci si trova a cortissima distanza, ed è fondamentale utilizzareil corpo intero nell'esecuzione di tale gomitata, partendo dal movimento delle gambe, passando alla spinta delle anche e alla rapida contrazione dei muscoli della schiena, arrivando all'intervento dei muscoli della spalla solo come ultimo anello della catena cinetica del colpo.

● SOK GLAB LANG
Gomitata all'indietro.

È uno dei colpi più devastanti del repertorio del combattente Muay Thay. Permette di colpire l'avversario che ci attacca alle spalle, o per attaccarlo in avanti sfruttando la rotazione del corpo e usando la potente muscolatura della schiena e la veloce rotazione delle anche.

Le traiettorie e gli angoli di esecuzione di questa gomitata possono variare a seconda della posizione dell'esecutore rispetto all'avversario, al bersaglio perscelto, alla distanza fra i combattenti e alle azioni che precedono il colpo stesso.

Buon ABC Allenamento

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

La cerimonia del the
04 Febbraio 2015

La cerimonia del the

Un aspetto rilevante della cultura orientale

Possiamo indicare il sud della Cina come la terra d’origine della piante del the e il “Ch’a ching” di Lu Wu come il testo più importante che parla della cerimonia del The, il testo fu scritto nel periodo della dinastia T’ang.

I Kata
30 Settembre 2014

I Kata

La pratica delle forme nelle arti marziali giapponesi: scopi e benefici

La pratica del Kata è individuale e richiede un costante allenamento: sono le serie tecniche che costituiscono l'elemento più rappresentativo delle arti marziali giapponesi.

Ultimi post pubblicati

Allenamento PHA
18 Giugno 2019

Allenamento PHA

Le schede di allenamento in PHA prevedono diversi esercizi eseguiti consecutivamente stimolando distretti corporei il più possibile distanti tra loro (ad esempio cosce/deltoidi o bicipiti femorali/pettorali), in generale alternando l’attività della parte superiore con quella inferiore del corpo o viceversa. Tale sequenza andrà a reclutare tutti i gruppi muscolari del corpo in un’unica seduta (allenamento total body).

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute
16 Giugno 2019

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute

Non esiste una definizione specifica di superfood, un termine che, alla resa dei conti, è stato creato unicamente per soddisfare delle esigenze di mercato: in modo molto vago possiamo dire che un superfood è un alimento ricco di nutrienti, in grado di apportare importanti benefici per la salute.